.
Annunci online

 
electraengel 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  La mia paginetta
Le mie foto
New Wavers Nerds
EDS
Nerds Attack
Shaktimusic
Design Sponge
Il caro Wim
Francis Bacon Studio
New wave photos
Andrea Chiesi
Women
ElBlogger
Lucelunare
  cerca

 


Soundtrack of the day:
Mephisto Waltz- Crocosmia
Ho appena visto:
Persona-Ingmar Bergman

Sto leggendo:
poesie di Jules Laforgue

 





 

 

 

 

 

 

 


 

Diario | Musak |
 
Diario
49943visite.

2 giugno 2010

Ci sto provando

A volte vorrei piangere per liberarmi di un peso che non risco a capire se sia positivo o negativo. Me ne vorrei semplicemente liberare. E non ci riesco.E non sarebbe comunque una liberazione vera. Vivo un periodo di estrema irrequietezza e dolore. Non riesco a vivere normalmente una vita che che normalmente mi pone problemi, questiti, interrogativi, prove. Tutto estremamente normale.Gli incontri con gente più o meno mediocre, le aspettative tradite, i progetti che si realizzano e quelli che falliscono, Tutto come deve andare esattamente nella vita di un essere umano. Sta di fatto che evidentemente io non mi concedo il lusso di essere un essere umano. E mal sopporto quest'altalenante oscillazione di stati d'animo, di vicende, di questioni banali quanto emotivamente strazianti. Umanità: ma cosa sono io per sfuggire a tutto questo? Pecco di presunzione etrema. O pecco di sottovalutazione estrema, non ho ancora ben capito. Entrambe le cose sanno tanto di scusa poco dignitosa per una fondamentale inettitudine alla vita.
Ma come risolvere questa lacuna abissale se non nella ricerca di una qualche forma di scorciatoia? Nell'ottenebrare la mia coscienza io cerco la via d'uscita da questo terribile groviglio di sensazioni. Inutilmente, manco a dirlo. Io sorrido. Io cerco l'oblio nel sorriso.
E mi condanno per questa mia forma di infantilismo spaventosa, poco dignitosa, dopotutto.
E mi umiliano le parole sagge di chi mi sta accanto, mi sento un giullare stanco, o peggio un saltimbanco triste. Una sorta di jocker dal sorriso soltanto dipinto. Sorrido sempre troppo. Da una vita. Per torgliermi d'impaccio. Se solo avessi il coraggio di far vedere al mondo il mio volto vero...forse sarebbe anche meno dignitoso di questo sorriso stanco che mi trascino.
Guardate dietro il sorriso stanco e distorto della vostra amica, amici miei, voi che sapete vedere con occhio limpido il mio cuore. E amatemi così come sono, una povera donna ( perchè oramai lo sono) sola e spaventata da tutto e da tutti ma con la famelica voglia di sopravvivere ancora un attimo, ancora...per vedere come andrà a finire.Perchè io vi amo. Sul serio. Amo le vostre debolezze come i vostri punti di forza. Amo il vostro volto e il vostro calore, così come le vostre parole. Per voi io vivo. Per amare ancora chi meravigliosamente mi si schiude davanti come un fiore stupendo.Sincero.
Mi basterebbe solo che chi dice di volermi in modo speciale in realtà non mi desideri soltanto come un bell'oggetto da collezionare, mi basterebbe sapere che della mia estrema debolezza non si stia approfittando nessuno, per essere un po' più tranquilla. Ma non va così,non va così nella vita. Tutto il mondo soffre, tutti gli esseri umani lottano per la sopravvivenza. Chi sono io per tirarmene indietro? Una sottospecie di bambina viziata, che non sopporta mai che si debba lottare tanto per ottenere poco...Ho schifo e vergogna di me. Estremo disgusto.
 Io sono in pericolo, non so se si vede. Ma lo sono. Non vorrei dirlo a nessuno, per non recare troppo disturbo...ma è come se inconsciamente io volessi cercare qualche freno alla mia irrefrenabile voglia di farmi del male. Di punirmi, per non riuscire a barcamenarmi in modo dignitoso in tutto  questo. Punirmi, annientarmi, distruggermi, annullarmi. Ridurmi ai minimi termini.
Manco troppo inconsciamente, alla fine, mi creo un buon freno, per evitare il peggio. Ho ancora un barlume di raziocinio, per fortuna, o purtroppo, chi può dirlo.
Non voglio lasciarvi, amici miei. Non voglio lasciare questo mondo,anche se non ho ancora ben chiaro come rimanerci sopra senza scivolare sempre e sempre...in un lentissimo e inesorabile scivolare. Io ci sto provando. Beh... sì. 
Anche stanotte forse, ci sto provando.




permalink | inviato da electraengel il 2/6/2010 alle 4:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

13 maggio 2010

Potrei fare...

Il becchino con la pala meccanica
La truccatrice di morti
La guardiana di cimitero ( ma magaaaari...)
La metronotte, ma anche la chilometronotte
La protrettrice di gufi e gatti neri...esiste?
La parrucchiera di vecchiette punk
La fotografa del Barnum freak show
La cantante ai funerali.
La centralinista della linea erotica.
La collaudatrice di letti.
La suonatrice di strada di ukulele pontico cieca. ( per giustificare il fatto che non lo so suonare...)
L'archeologa di dischi.
La restauratrice di vecchie fotografie ( questo seriamente...)
La hacker di oggetti oramai da buttare.
La spacciatrice di liquirizie agli ipertesi.
La timbratrice di imbecilli in discoteca.
La decoratrice di cliniche psichiatriche.
La scroccatrice di sigarette su commissione.
La cavia per cotonature sperimentali.
La programmatice di batterie elettroniche per gruppi con batteristi cassintegrati.
La mediatrice fra genitori e figli adolescenti. Sono bravissima.
La tutor per adolescenti in via di darkettume.
La grafica di annunci mortuari.
La spacciatrice di mp3.
La passatrice di versioni di greco e latino via i-phone sotto lautissima ricompensa in danaro.
La piagnona al cinema. Per far piangere pure gli altri...
La assaggiatrice di gelato.
La consulente del lavoro. Ossia, quella che vi dice come prendere per il culo il capo senza che lui se ne accorga.
La sound designer ( oh esiste! l'ho visto alla tv)
La personal shopper per vecchie rockstar rincretinite dalla droga.
La guerrilla gardener.
L'ipnotizzatrice di polli.
La iettatrice.
La predicatrice folle.
La cantante di ninna nanna per i cani e i gatti. Pluto lo faccio dormire sempre...
L'addetta al censimento delle lapidi sulle strade.
L'istitutrice tedesca senza sapere il tedesco.
L'incantatrice di elettori fuori dal seggio.
L'illustratice di incubi da peperoni .
Le marchette al Santa Maria della Pietà, Cazzo, devo smettere...
Lo sciamano.
La disturbatrice di quiete pubblica con l'autoradio alta alle 3 di notte.
La comica depressa.
La terrorista dell'etere.
La ronda del piacere.
La vispa Teresa.
La dittatrice.























permalink | inviato da electraengel il 13/5/2010 alle 0:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

11 maggio 2010

Ingredienti:







shackerare piano...




permalink | inviato da electraengel il 11/5/2010 alle 14:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

10 maggio 2010

Il piacere è tutto mio!!!

Stanca di portare a galla il peggio e il meglio di ogni essere umano incontro sul mio cammino, stanca in definitiva dell'essere umano tout court, mi ritiro in un mondo notturno di autoerotismo e post punk, entrambi selvaggi e spietati. Sono ciò che non si vorrebbe sapere.Sono donna, sono giovane ma non troppo, sono belloccia e disgraziatamene colta e acuta, sono disinibita ma non troia, sono la strega che tutti vorrebbero bruciare. Ebbene sì. Sono pure agnostica, manco atea ( già sarebbe una certezza), agnostica.
Stanca di nascondere la mia essenza indiscreta, stanca da sempre dei sorrisi forzati, delle riverenze e di "rassicurare" tutti i mezzi-uomini che mi si sono parati dinnanzi...soprattutto loro, sì, gli uomini...tutti estremamente prevedibili, anche nel loro credersi unici e irripetibili, nel loro dichiararsi "strani" sono quanto di più banale si possa aspettare da un essere umano.
E sì, sono quanto di peggio si possa aspettare: mi masturbo e non ho vergogna di dirlo, mi faccio l'undercut, non provo piacere alcuno nella trasgressione così come viene concepita dalla società odierna. Mi incazzo parecchio per questioni politiche. Ma non avallerò per questo le istanze di una parte politica per partito preso.E quindi datemi della fascista quando mi mostro assai intransigente nel confronti delle colorite derive borghesi che giocano a fare i pastorelli a Versailles, me ne fotto. Non sono materna. Detesto la sola idea di diventare una fattrice, come una vacca.
Mi sta simpatico tutto ciò che l'uomo medio giudica respingente. Il rumore,il silenzio, la solitudine, il freddo, la complessità logica, l'abisso illogico dell'inconscio,la sfida ai miei stessi limiti,l'idea di morte stessa mi stuzzica. Sono pesante. Ebbene sì.
Mi circondo di altre donne simili a me. Tutte bellissime, colte e spietatatamente vere. E per questo terribilmente annoiate dal genere maschile...pur essendo eterosessuali nella maggioranza dei casi.
Questa è la parte vera.Questa la mia faccia vera. Non sono una tenera che fa la dura. Vi piacerebbe...è il contrario. Ve l'ho fatto credere per puro tornaconto personale.Per il mio piacere. Perchè siete esteticamente appaganti. Siete bellocci, mi piacete. Datemi la libbra di carne che mi spetta. E sparite se non sapete fare altro che parlare col vostro corpo. Il vostro corpo è uguale a tutti gli altri corpi, se non per lievi differenze. Datemi il vostro cervello e sarò lieta di contrcambiare. Altrimenti SPARITE. Non ci rimarrò male.
Narcisisti del pene, non sarò la vostra Eco, non ci sperate.
Io sono Pollock, voi siete Lee Krasner, ok?
Eccola qua, ve la sbatto in faccia la verità, stavolta. Con la speranza di essere mandata a fanculo da chi non mi merita. Da chi non ha il fisico per sopportarmi.
Eh,quelle personcine che se la fanno sotto al solo pensiero di svelarsi per quello che sono realmente e non capiscono che il problema della loro vita è proprio il loro eterno nascondersi dietro a un dito, una scusa sempre più indecente per la loro agognata decenza.
Ridicoli.
Io sono indecente. Indecente e donna. E non fa certo piacere a nessuno.
Eppure aspetto di essere stupita, dai stupitemi! Sto aspettando.




permalink | inviato da electraengel il 10/5/2010 alle 22:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

31 marzo 2010

Eccoti di nuovo.

E' arrivato il momento di fare i conti con te. Brutta bestia feroce che mi divori il cuore, che mi rendi sempre una persona peggiore, che mi odi, anche se dici di amarmi...anche se sei tanto affezionata a me da non lasciarmi mai in pace. Certo, mi dirai, adesso c'è un motivo valido per prensentarti alla mia porta, anzi più di uno a ben vedere...e sì. Hai ragione. Ma coma al solito non sei la benvenuta.
Non ti apro più la porta come un tempo, non più. Tento di resisterti più che posso, tento di scappare tento di non ascotare la tua voce così suadente che un giorno forse mi convincerà a fare il grande salto nel buio. Ho voglia di vivere, malgrado tutto, cara mia.
Ho voglia di vedere come andrà a finire questa storia di cui sempre meno mi sento protagonista, anche se mi sento veramente una nullità, anche se le persone che dicono di volermi bene mi spremono e poi mi buttano via. Io non mollo. Anche se la primavera mi danna l'anima con la sua bellezza che non posso condividere ormai più con nessuno, anche se le giornate si fanno sempre più faticose e senza senso e non trovo un abbraccio abbastanza grande e caldo per calmare le mie lacrime. La solitudine. Cosa ne sanno i miei carissimi amici di quanto avrei bisogno di loro in questo momento, di quanto posso stare male...è disdicevole stare male, è disdicevole. Io sono quella forte, quella che mai si fa male, quella su cui contare per tutto...e invece no. Io se rido faccio ridere, se piango faccio comunque ridere...ehh, sì, perchè sono teatrale.
E allora vieni va', mi sei rimasta solo tu...nemica mia. Almeno tu così affezionata...




permalink | inviato da electraengel il 31/3/2010 alle 23:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

17 marzo 2010

New Dark Age

I nuovi dark: alla fascinazione per l'oscuro si unisce la malinconia per qualcosa che è morto e sepolto, qualcosa che è inesorabilmente passato.Nostalgia di ciò che nemmeno abbiamo mai vissuto. Voyeurs della morte.Altrui. Libidine malata si unisce a libidine malata in una vertigine infinita che fa trascorrere le notti insonni davanti a uno schermo di computer.Tessiamo reti telematiche sottili scambiandoci dischi da un capo all'altro della terra. Ma siamo soli. In solitudine, aspettiamo la fine del mondo, quella vera.
Non avremo eredi.
In girum imus nocte, ecce, et consumimur igni.




permalink | inviato da electraengel il 17/3/2010 alle 2:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 marzo 2010

Claudio Monteverdi: Si dolce è 'l tormento

Ensemble Arpeggiata di Christina Pluhar. Controtenore Philippe Jaroussky




Si dolce è'l tormento
Ch'in seno mi sta,
Ch'io vivo contento
Per cruda beltà.
Nel ciel di bellezza
S'accreschi fierezza
Et manchi pietà:
Che sempre qual scoglio
All'onda d'orgoglio
Mia fede sarà.
La speme fallace Rivolgam' il piè.
Diletto ne pace Non scendano a me.
E l'empia ch'adoro Mi nieghi ristoro
Di buona mercè: Tra doglia infinita,
Tra speme tradita Vivrà la mia fè.
Se fiamma d'amore Già mai non sentì
Quel riggido core Ch'il cor mi rapì,
Se nega pietate La cruda beltate
Che l'alma invaghì: Ben fia che dolente,
Pentita e languente Sospirimi un dì.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. monteverdi

permalink | inviato da electraengel il 9/3/2010 alle 1:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 marzo 2010

This is hurt...this is ascension.

Cocteau Twins - The Hollow Men




permalink | inviato da electraengel il 5/3/2010 alle 0:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

3 marzo 2010

Kraftwerk - Computerwelt (02:55)

listen here!





permalink | inviato da electraengel il 3/3/2010 alle 21:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

1 marzo 2010

Bye Larry...

New Horizon -Section 25



LARRY CASSIDY - R.I.P. ( Nerdsattack)




permalink | inviato da electraengel il 1/3/2010 alle 16:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio